logo-colori-ridimensionato_1472809254880
24/06/2019, 16:39



Seminario-ISO-STUDIO,-intervento-dell’Ing.-Oppini-sui-sistemi-di-gestione-ambientale


 



L’Ing. Paolo Oppini ha tenuto un intervento nell’ambito del seminario in materia ambientale organizzato nella mattina di lunedì 24 giugno a Sassuolo, da parte della società di consulenza ISO-STUDIO.
L’Ing. Oppini è intervenuto in qualità di referente Ambiente dell’organismo di certificazione Eco Certificazioni, con una relazione intitolata "Sistemi di gestione ambientale: benefici e opportunità".
I principali temi trattati durante l’intervento, davanti a una quindicina di partecipanti del mondo delle imprese e della consulenza, hanno riguardato gli aspetti fondamentali di un sistema di gestione ambientale, i requisiti principali della norma ISO 14001, i benefici conseguibili dalle organizzazioni mediante l’implementazione di un sistema di gestione ambientale.
06/06/2019, 16:48



Bando-ISI-INAIL,-al-via-il-download-dei-codici-identificativi


 



Al via la fase operativa del bando ISI 2018, con cuil’INAIL finanzia le imprese che investono in progetti di miglioramento deilivelli di sicurezza nei luoghi di lavoro e adottano modelli organizzativi e diresponsabilità sociale.
Dal 6 giugno, infatti, le imprese che hannoraggiunto, o superato, la soglia minima di ammissibilità e salvatodefinitivamente la propria domanda (che era da inviare tassativamente entro il 30maggio scorso), possono accedere alla procedura informatica ed effettuareil download del codice identificativo necessario per procedere con l’inoltroonline della domanda.
A seguire saranno pubblicate le date di apertura e chiusura dello sportelloinformatico per l’invio.
Almeno una settimana prima della data di apertura sarannopubblicate, nella pagina informativa dedicata al bando ISI 2018, le regoletecniche per illustrare le modalità di funzionamento dello sportelloinformatico.
25/05/2019, 18:21



AIA,-nuove-regole-per-la-relazione-di-riferimento


 



Il Ministero dell’Ambiente ha emanato il decreto del 15 aprile 2019,n. 104, sulle modalità di redazione della relazione di riferimento da allegarealla richiesta di rilascio dell’autorizzazione integrata ambientale (AIA).
Il decreto è stato emanato in sostituzione del precedente D.M.13 novembre 2014, n. 272, annullato dal Tar Lazio (Roma) con sentenza 20settembre 2017, n. 11452.
Il D.M. 104/2019, costituito da cinque articoli e tre allegati,è in attesa, al momento della pubblicazione di questa notizia, dellapubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
La relazione di riferimento va redatta (art. 4) tenendo contodelle Linee guida emanateai sensi dell’articolo 22, paragrafo 2, della Direttiva2010/75/UE e deve contenere le informazioni di cui all’Allegato2 del D.M. n. 104/2019, tra cui uso e destinazioni del sito, descrizionedelle attività pregresse, identificazione e delimitazione cartografica dellezone, misurazioni, non anteriori di oltre 24 mesi a decorrere dallapresentazione della relazione di riferimento, illustrazione dettagliata dellemodalità con cui sono effettuate le misurazioni sulle sostanze pericolosepertinenti, la descrizione dello stato attuale di qualità del suolo e delleacque sotterranee, eventuali iniziative già intraprese o da intraprendere perle sostanze pericolose pertinenti, in esito ai risultati delle misurazionidisponibili.
La relazione deve essere allegata alla domanda di autorizzazioneintegrata ambientale ed è relativa (art. 3):
  • Agli impianti elencati nell’Allegato XII, alla parte seconda, del D.Lgs. n.152/2006, ai punti 1, 3, 4 e 5;
  • Agli impianti di cui al punto 2 dell’Allegato XII, alla parte seconda, del D.Lgs. n.152/2006, ove tali impianti siano alimentati, anche solo parzialmente, da combustibili diversi dal gas naturale;
  • Alle installazioni per le quali è verificata la sussistenza dell’obbligo di presentazione della relazione di riferimento ai sensi dell’art. 4.
Fuori dai casi di cui sopra, in cui la presentazione della relazioneè obbligatoria, occorre verificare, nei casi diversi, la suaobbligatorietà attraverso la procedura prevista nell’Allegato alD.M. n. 104/2019. Qualora emerga la sua necessità, la relazione costituiràparte integrante della domanda di autorizzazione (art. 4, comma 2); in casocontrario, se non sussiste obbligo di allegarla, il gestore dovrà presentareall’autorità competente un’altra relazione che attestil’esito della procedura di verifica (condotta con le modalità dell’Allegato IIal D.M. n. 104/2019). Sempre all’autorità vanno presentate le modifichesostanziali o gli esiti diversi della verifica, come parti di una nuova domandada presentare (ai sensi dell’art. 29-nonies, comma 2, del D.Lgs. n.152/2006).


12354

S T U D I O A N I T A


facebook
twitter
linkedin

Studio Ing. Oppini | Partita IVA 02174120200 | Tutti i diritti riservati

Create a website