logo-colori-ridimensionato_1472809254880
24/02/2019, 11:45



MUD-2019,-pubblicato-il-decreto


 



Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.45 del 22febbraio (Supplemento Ordinario n. 8) il decreto del Presidente del Consigliodei Ministri 24 dicembre 2018, recante approvazione del modello unico didichiarazione (MUD) ambientale per l’anno 2019.
Tra le novità del nuovo modello, si segnala lacompilazione della Comunicazione rifiuti semplificata prevista nel caso in cui irifiuti sono conferiti a destinatari ubicati sul territorio nazionale.
Il nuovo modello dovrà essere utilizzato per ledichiarazioni da presentare entro il 30 aprile di ogni anno, con riferimentoall’anno precedente.
Tuttavia, il termine per la presentazione della dichiarazioneda presentare nel 2019 è fissato al 22 giugno prossimo (centoventi giorni adecorrere dalla data di pubblicazione del nuovo decreto), come disposto dall’articolo6, comma 2-bis, della legge 25 gennaio 1994, n. 70.
23/02/2019, 15:01



Trasferimento-di-dati-personali-in-caso-di-hard-Brexit,-indicazioni-dall’EDPB


 



Il Comitato Europeo per la Protezione dei Dati(EDPB) ha adottato una notainformativa destinata alle aziende e alle autorità pubbliche sui trasferimenti didati a norma del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) in casodi Brexit senza accordo con l’Ue (cosiddetta "hard Brexit" o "no-deal Brexit"). Infatti, in assenza di accordo, dalle ore 00.00 del30 marzo 2019 il Regno Unito diventerà Paese Terzo.
La notaindividua cinque step che aziende e pubbliche autorità europee dovranno porrein essere in caso di trasferimento di dati personali verso il Regno Unito:
  1. Identificarequali trattamenti implicano un trasferimento di dati personali verso il RegnoUnito;
  2. Individuareuno strumento appropriato per il trasferimento di dati personali. In assenza diuna decisione di adeguatezza, l’EDPB elenca gli strumenti appropriati:clausole-tipo di protezione dei dati, clausole di protezione dei dati "sumisura", norme vincolanti d’impresa, codici di condotta, meccanismi dicertificazione, le deroghe previste dall’art. 49 del GDPR utilizzate adeterminate condizioni e gli strumenti specifici di trasferimento adisposizione delle autorità pubbliche;
  3. Implementare,entro il 30 marzo 2019, lo strumento scelto per il trasferimento;
  4. Indicarenella documentazione interna i trasferimenti di dati personali verso il RegnoUnito;
  5. Aggiornarele informative sulla protezione dei dati.
Viceversa,in merito al trasferimento di dati personali dal Regno Unito ai Paesi membridell’UE, il Governo del Regno Unito indica una continuità della liberacircolazione dei dati personali anche in caso di hard Brexit.
23/02/2019, 10:46



Segnaletica-stradale-in-cantieri-con-traffico-veicolare,-nuovo-decreto


 



IlMinistero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministerodella Salute e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha emanatoil decreto interministeriale 22 gennaio 2019(pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 37 del 13 febbraio 2019), recante individuazionedella procedure di revisione, integrazione e apposizione della segnaleticastradale destinata alle attività lavorative che si svolgono in presenza ditraffico veicolare.
Ilnuovo decreto risponde all’esigenza di aggiornare le previsioni del precedentedecreto interministeriale 4 marzo 2013, che a partire dal 15 marzo prossimo risulteràabrogato.
Pur mantenendo l’impostazionegià adottata dal vecchio decreto, il nuovo provvedimento introduce diversemodifiche rispetto alla normativa precedente, in alcuni casi di caratteresostanziale.
Rimandando alla lettura del nuovo decreto, sisegnala un elemento di novità di particolare rilievo, riguardante i soggettiche devono essere obbligatoriamente formati.
Al riguardo, il punto 2 dell’allegato II del decreto,dedicato alla definizione dei destinatari dei corsi, stabilisce che i corsi sonodiretti ai lavoratori e preposti adibiti alle attività connesse allasegnaletica; viene pertanto soppressa l’espressione "o comunque addetti adattività in presenza di traffico", presente nel precedente decreto di prossimaabrogazione.
Rilevante appareanche la composizione della squadra (punto 2.1 dell’allegato I): mentre ilprecedente decreto del 4 marzo 2013 stabiliva che la squadra dovesse esserecomposta in maggioranza da operatori che avevano completato il percorsoformativo previsto, il nuovo decreto del 22 gennaio 2019 richiede che tutti glioperatori abbiano completato il percorso formativo. Inoltre, la squadra dovràessere composta in maggioranza da operatori che abbiano esperienza nellacategoria di strada interessata dagli interventi.


13451

S T U D I O A N I T A


facebook
twitter
linkedin

Studio Ing. Oppini | Partita IVA 02174120200 | Tutti i diritti riservati

Create a website