logo-colori-ridimensionato_1472809254880
11/02/2019, 19:01



F-Gas,-nuovo-regolamento-di-esecuzione


 



Sirinnova la disciplina nazionale riguardante i gas fluorurati ad effetto serra (i cosiddetti "F-Gas") utilizzati come refrigeranti,agenti estinguenti, espandenti, propulsori e isolanti nelle apparecchiatureelettriche: è stato infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 7 del 9gennaio 2019 il decreto del Presidente della Repubblica 16 novembre2018, n. 146, contenente il regolamentodi esecuzione del regolamento (UE) n. 517/2014, in vigore dal 24 gennaio 2019.
Il testodel provvedimento si compone di 23 articoli e 3 allegati:
  • Il Capo I contiene i principi, il Capo II disciplina la certificazione, il Capo III detta disposizioni in tema di trasparenza e informazione e il Capo IV, da ultimo, reca le disposizioni transitorie;
  • Gli allegati, invece, si occupano dei requisiti degli organismi di certificazione delle persone fisiche (Allegato A), delle imprese (Allegato B) edei requisiti degli organismi di valutazione della conformità per il rilascio dei certificati agliorganismi di attestazione di formazione alle persone fisiche (Allegato C).
Il nuovodecreto adegua alle disposizioni del Regolamento (UE) n. 517/2014 il sistema dicertificazione delle persone fisiche e delle imprese, istituito con il D.P.R.n. 43/2012; tale sistema prevede che l’organismo nazionale italiano diaccreditamento, Accredia, rilasci un accreditamento agli organismi dicertificazione sulla base di appositi schemi di accreditamento approvati dalMinistero dell’Ambiente.
Adecorrere dalla data di entrata in vigore del D.P.R. n. 146/2018 è abrogato ilprecedente D.P.R. n. 43/2012. Di conseguenza, risulta abrogato l’obbligo della comunicazioneannuale ad ISPRA, entro il 31 maggio di ogni anno, delle informazioniriguardanti le quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati, di cui all’articolo16, comma 1, del D.P.R. n.43/2012; in sostituzione di tale onere a carico dinumerosi soggetti, è stata istituita (articolo 16 del D.P.R. n. 146/2018) un’appositaBanca dati gestita dalla Camera di commercio competente, alla quale sonocomunicate per via telematica, da parte delle imprese fornitrici o impresecertificate, le vendite di gas fluorurati a effetto serra e di apparecchiaturecontenenti tali gas, nonché le attività di assistenza, manutenzione,riparazione e smantellamento di dette apparecchiature.
Restanoinvece fermi gli obblighi di mantenimento dei registri delle apparecchiaturecontenenti F-Gas.
11/02/2019, 17:20



Albo-Gestori-Ambientali,-delibera-sui-compiti-del-responsabile-tecnico


 



Il ComitatoNazionale dell’Albo Gestori Ambientali ha pubblicato la deliberazione n. 1 del23 gennaio 2019, con la quale ha fornito le prime disposizioni di dettaglio sulruolo del responsabile tecnico definendone i principali compiti edoveri, in attuazione dell’art. 12 delD.M. 3 giugno 2014, n. 120.
Siricorda che il responsabile tecnico è una figura obbligatoria per l’iscrizionenelle seguenti categorie dell’Albo Gestori Ambientali:
  • Categoria1 - raccolta e trasporto di rifiuti urbani;
  • Categoria4 - raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi;
  • Categoria5 - raccolta e trasporto di rifiuti speciali pericolosi;
  • Categoria8 - intermediazione e commercio di rifiuti senza detenzione dei rifiuti stessi;
  • Categoria9 - bonifica di siti;
  • Categoria10 - bonifica di beni contenenti amianto.
Talefigura non è invece richiesta per lacategoria 2-bis dell’Albo GestoriAmbientali, relativa all’attività di trasporto in conto proprio deirifiuti prodotti, ai sensi dell’art.212, comma 8, del D.Lgs. n. 152/2006 (cosiddetto "Codice dell’ambiente").
Il responsabiletecnico ha il compito di assicurare la corretta organizzazione nella gestionedei rifiuti da parte dell’impresa in maniera effettiva e continuativa. Tale incarico può essere ricoperto dallegale rappresentante/titolare, da un dipendente o anche da unsoggetto esterno all’impresa purchéabbia i requisiti previsti per legge in funzione della specifica classe ecategoria in cui si richiede l’iscrizione.
Ladeliberazione n. 1/2019 attribuisce al responsabile tecnico i seguenti compiti generali:
  • Coordinare l’attività degli addetti dell’impresa;
  • Definire le procedure per la gestione delle situazioni di urgenza;
  • Vigilare sulla corretta osservanza delle prescrizioni contenute nei provvedimenti di iscrizione all’Albo Gestori Ambientali;
  • Verificare la validità delle iscrizioni e delle autorizzazioni in capo ai soggetti ai quali vengono affidati i rifiuti.
Ulterioricompiti specifici del responsabile tecnico sono stabiliti per le impreseiscritte nelle categorie 1, 4, 5, 9 e 10 dell’AlboGestori Ambientali.
Il testo del provvedimento è disponibile sul sitodell’Albo Gestori Ambientali.
20/01/2019, 14:48



Appalti-pubblici,-novità-per-la-notifica-preliminare


 



La legge 1°dicembre 2018, n. 132, di conversione del decreto-legge 4 ottobre 2018,n. 113 (cosiddetto "Decreto Sicurezza") ha apportato un’ulteriore modifica al decretolegislativo 9 aprile 2008, n. 81 (cosiddetto "Testo Unico di Salute e Sicurezzasul Lavoro").
Inparticolare, in fase di conversione è stato novellato l’art. 26, comma 1,del D.L. n. 113/2018, modificativo dell’art. 99 del D.Lgs. 81/08, con la sostituzione delle parole «nonché alprefetto» con le parole «nonché, limitatamente ai lavori pubblici, al prefetto».
Pertanto, trai destinatari della notifica preliminare da inviare prima dell’inizio deilavori pubblici nei cantieri temporanei o mobili è ora incluso, esclusivamentenel caso di appalti pubblici, il prefetto, con finalità di prevenzione econtrasto alle mafie.


124551

S T U D I O A N I T A


facebook
twitter
linkedin

Studio Ing. Oppini | Partita IVA 02174120200 | Tutti i diritti riservati

Create a website